Dal 19 marzo 2019, data in cui è apparsa la notizia della ricandidatura di Giusy Armiletti a Sindaco di Dueville nelle prossime elezioni amministrative del 26 maggio 2019, questo sito cessa di essere aggiornato. Anche la lista Civica che la sosteneva si rinnova e cambia nome. Si chiama Dueville in Comune. Ci vediamo nell'altro sito. Questo resta online come documentazione.

Update 27 maggio 2019: come era previsto Giusy Armiletti ha vinto le elezioni e si è riconfermata Sindaco di Dueville.

 

 

Dai cavalieri tartari a icona mondiale consacrata dai film

L'HAMBURGER

Jules: "A quanto pare io e Vincent abbiamo interrotto la vostra colazione. Ci dispiace veramente. Che mangiavate?". Brett: "Hamburger". Jules: "Hamburger, dici? La colonna portante di ogni colazione vitaminica!". La citazione in "Pulp Fiction" di Quentin Tarantino è solo una delle tantissime testimonianze di come il panino con la carne di manzo tritata, pressata e cotta sia diventato un'icona, e non soltanto nell'immaginario popolare statunitense, per quanto siano ovviamente gli Stati Uniti, con le catene di fast food, ad averlo diffuso in tutto il mondo.La ricorrenza del 28 maggio, eletto l'Hamburger day, dà l'occasione per una breve escursione nella storia di questo piatto.Il nome, hamburger, non richiama per caso la città tedesca di Amburgo: è nel suo porto, tra 18o e 19o secolo, che si diffonde tra i marinai l'abitudine a consumare un pasto rapidissimo fatto appunto di una polpetta di carne tritata con il pane. Ad Amburgo l'idea era arrivata grazie ai rapporti commerciali con la Russia, che aveva portato in Europa la "bistecca alla tartara". La leggende vuole che i cavalieri di Gengis Khan usassero ammorbidire la carne mettendola sotto la sella dei loro cavalli. La differenza fondamentale è che la tartare è cruda, l'hamburger cotto. Cotta era anche un'altra pietanza che presenta molte affinità con l'hamburger e che arriva dall'antica Roma: il gastronomo Marco Gavio Apicio descrive le isicia omentata, polpette di manzo tritato, unite a mollica di pace imbevuta nel vino, avvolte in una retina (omentum) e cucinate nel mosto cotto. Gusti piuttosto diversi da quelli attuali, ma anche testimonianza di come la storia dell'hamburger possa essere considerata una sottosezione di quella, più ampia, della polpetta.Si diceva di Amburgo: fu facile esportare l'hamburger steak a New York, da cui si diffuse in tantissimi ristoranti americani, soprattutto come colazione. Non c'è accordo tra gli storici su quando sia stato creato l'hamburger come lo intendiamo oggi, cioè il panino imbottito, e su chi ne abbia avuto l'idea. Tutto cambiò con McDonald's: nel 1937 Patrick McDonald e i suoi due figli aprirono un ristorantino a Monrovia, in California. Si accorsero presto che l'80 per cento dei profitti arrivava dagli hamburger. Ray Kroc, fondatore nel 1955 della McDonald's Corporation, ne fece il simbolo della catena: nel primo ristorante McDonald's a Des Plaines, Illinois, veniva venduto a 15 centesimi l'hamburger fatto di carne bovina macinata, ketchup, senape, cipolla, cetriolo e pane, la ricetta originaria. McDonald's arrivò in Italia nel 1985: l'hamburger, come sola carne, era già conosciuto, curiosamente, con il nome di svizzera - oggi praticamente scomparso - che ne richiamava l'origine nordeuropea. Le varianti sono infinite, dal panino più basico agli hamburger gourmet con gli ingredienti più raffinati, passando per quello vegetariano. Le influenze culturali sono altrettanto numerose. Ed è diventato persino (la versione Big Mac) un indice economico, proprio per la sua diffusione in tutte le latitudini.

Tagged under: hamburger

Giusy Armiletti Sindaco di Dueville.

giusy armiletti“Nel mezzo del cammin del mandato amministrativo... ”

GRAZIE!

Solitamente i bilanci si fanno a fine mandato amministrativo, ma questi due anni e mezzo sono stati così intensi, ricchi ed impegnativiche mi sembra giusto proporvi alcune considerazioni che mi sento di fare, soprattutto in questo periodo che ci avvicina alle festività natalizie.
Altre ne troverete nello spazio dedicato alla nostra pagina politica.
Lo slogan scelto per la mia campagna elettorale era “rinnovare la continuità”.
Credo mi si possa riconoscere di aver fatto una scelta coraggiosa. La scelta di puntare su persone nuove non è stata facile, soprattutto nei primi mesi di mandato, durante i quali dovevamo tutti “imparare”, compreso per me l’essere Sindaco.
Ci siamo messi a disposizione, soprattutto per ascoltare la voce dei cittadini e soprattutto di chi non era abituato ad esprimere ai rappresentanti della pubblica amministrazione il proprio parere su tante questioni.
Tante confidenze sono state fatte, tante sofferenze sono state espresse o forse sono rimaste nascoste per quella forma di pudore che ci contraddistingue.
E credetemi è particolarmente difficile non poter fornire le risposte che chi hai di fronte spera di ricevere. Allo stesso tempo però, essere Sindaco è per me un’occasione unica, prendendo a prestito le parole di Marco Mengoni, per continuare a “credere negli esseri umani che hanno il coraggio di essere umani.”
Voglio allora utilizzare questo spazio per alcuni ringraziamenti.
Un primo grandissimo grazie lo voglio esprimere a tutti i consiglieri che con me stanno condividendo questa esperienza: amministrare significa SCEGLIERE, ogni giorno, per ogni più “piccola” questione. E ogni scelta porta con sé delle conseguenze. E come succede in ogni famiglia, in ogni gruppo, in ogni organizzazione, ogni scelta dell’Amministrazione porta con sé commenti, critiche o apprezzamenti, ma questo fa parte del gioco, altrimenti sarebbe più comodo lasciare tutto com’è. Contare su un gruppo di maggioranza attento, sensibile, coeso, che riesce a trovare una sintesi anche su decisioni particolarmente difficili e delicate è per me motivo di costante gratitudine e di orgoglio.
Voglio inoltre ringraziare l’Assessore Paolo Ronco che a metà settembre, per motivi lavorativi, ha presentato le dimissioni dalla carica: la sua presenza e competenza sono state per noi motivo di grandi soddisfazioni, e sapere che ora sta lavorando per la Comunità Europea non può che renderci particolarmente felici. Un ringraziamento particolare lo voglio rivolgere a tutti i dipendenti comunali e al Segretario Dr. Zanon: se stiamo concretizzando molte delle cose che ci siamo impegnati a realizzare lo dobbiamo anche a loro, che spesso riescono a garantire gli stessi servizi ai quali siamo ormai abituati anche in forze ridotte.
All’interno del Giornale troverete una riflessione del nostro concittadino Sergio Benetti, che voglio ringraziare perché riprende quanto ho espresso nel mio precedente editoriale: il bene comune possiamo e dobbiamo volerlo noi in quanto cittadini. La politica e la struttura comunale devono occuparsene, ma dove non possono arrivare è auspicabile l’intervento diretto dei cittadini e del volontariato, come già accade in tantissimi ambiti e con numerosissime associazioni.
L’ultimo grazie, particolarmente sentito, va allora a chiunque dedica del tempo alle più svariate forme di solidarietà.
Il mio augurio per il prossimo Natale è che sia, per tutti, occasione per ricordarci dell’umanità che è in ognuno di noi.
Buon Natale a Voi e alle Vostre famiglie e buon 2017.

Dicembre 2016

Il Sindaco
Giusy Armiletti

Timeline cronaca di un'avventura



26 maggio 2014

Giusy vince le elezioni con la percentuale più alta mai ottenuta a Dueville da quando si vota il sindaco con l'elezione diretta: il 48,05%

23 maggio 2014

Giusy diffonde l'ultimo appello al voto.

19 maggio 2014

TVA trasmette alle 20,30 una intervista a Giusy e agli altri candidati sindaci.

15 maggio 2014

Si svolge l'atteso confronto tra i tre candidati sindaci al Busnelli, strapieno con molta gente in piedi.

6 maggio 2014

Al Centro Arnaldi di Dueville con la quarta serata si chiude il ciclo di presentazione del programma. Ancora una volta en plein, con gente in piedi che non trova posto in sala.

5 maggio 2014

Pubblico delle grandi occasioni a Vivaro. Almeno 80 persone hanno chiesto, discusso, anche civilmente contestato. Alla fine un ricco aperi-cena offerto dai candidati è stato molto apprezzato.

29 aprile 2014

A Passo di Riva è stato presentato il programma a circa 25 persone.

28 aprile 2014

Al Villino Rossi a Povolaro si è tenuta la prima serata di presentazione dei candidati e del programma della Lista Civica Democratici per Dueville. Erano presenti circa 90 persone.

26 aprile 2014

Viene ufficialmente depositata la lista: Siamo il gruppo con la maggior presenza femminile: 8 donne oltre a Giusy

13 aprile 2014

Alla terza cena di autofinanziamento partecipano 130 persone.

9 aprile 2014

Da oggi, ogni mercoledi Giusy e il suo team incontrano i cittadini al mercato di Dueville

22 marzo 2014

Al Villino Rossi di Povolaro si svolge la seconda cena di autofinanziamneto. I candidati consilieri cucinano e servono 120 persone.

20 marzo 2014

Giusy apre la propria pagina personale su facebook. Nel giro di pochi giorni ha centinaia di amici.

27 febbraio 2014

Al centro Arnaldi Giusy inizia ascoltando gli elettori.
La sala è stracolma. Decine di interventi e nei giorni sucessivi arrivano molti contributi via email.

21 febbraio 2014

Si svolge la prima cena di autofinanziamento alla quale partecipano 100 persone. Si individuano i primi candidati al consiglio comunale.

30 gennaio 2014

Viene aperta la pagina facebook dei Democratici per Dueville

23 gennaio 2014

Giusy Armiletti accetta la sfida. Sarà candidata alla carica di sindaco di Dueville con la lista civica Democratici per Dueville

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.